Testata sito Biblioteca Gino Bianco
tracce da seguire
Opuscoli mazziniani
Prima guerra mondiale
Andrea Caffi
Nicola Chiaromonte
"L'Unità" di Salvemini
"Volontà"
"politics"
vai all'elenco completo
le carte di Caffi
Quaderni Caffi
Moravia a Caffi
Rosselli(?) a Renzo Giua
Lettere di Faravelli
ricordiamoli
voci da ascoltare
Nicola Chiaromonte ricordato dagli amici
Alex Langer ad Assisi
Vittorio Foa: ricordare
pagine da leggere

fondo Schiavi (biblioteca Saffi, Forlì)
Opuscoli

Chi è Nicola Chiaromonte


Nicola Chiaromonte (Rapolla, Potenza 1905 - Roma 1972) trascorre la giovinezza a Roma. Fra i suoi amici degli anni universitari vi sono Paolo Milano, Giorgio Diaz de Santillana, Dino Terra e Alberto Moravia. Interessato alla filosofia e al teatro, entra giovanissimo a far parte del cenacolo filosofico di Adriano Tilgher. I suoi primi articoli appaiono nel Mondo di Giovanni Amendola e in Conscientia di Giuseppe Gangale. Negli anni successivi, in qualità di critico cinematografico e saggista, collabora a diversi periodici fra cui L’Italia Letteraria, Oggi e Solaria. Nel 1932 durante un soggiorno a Parigi entra a far parte di Giustizia e Libertà. Nel '34, nuovamente in Francia, viene a conoscenza di essere stato individuato dalla polizia fascista come uno dei più assidui collaboratori alle pubblicazioni clandestine del movimento. Decide di non fare più rientro in patria. All’inizio del '36, insieme ad Andrea Caffi, Renzo Giua e Mario Levi, con i quali nel frattempo ha stretto un intenso sodalizio umano e intellettuale, si allontana da GL.

Allo scoppio della guerra civile spagnola si precipita a Madrid prestando servizio come bombardiere nella squadriglia aerea allestita da André Malraux, di cui è buon amico. Rientrato in Francia, negli anni precedenti all’inizio della Seconda guerra mondiale, collabora con Angelo Tasca, pur senza mai avvicinarsi al Partito socialista. Nel giugno del '40 l’avanzata tedesca lo costringe a rifugiarsi a Tolosa. Una tragica fuga che provoca la morte della prima moglie, Annie Pohl, pittrice austriaca di origine ebraica, da tempo sofferente di tubercolosi. Nel '41 Chiaromonte raggiunge gli Stati Uniti, stabilendosi a New York, dove collabora con Gaetano Salvemini al giornale L’Italia libera e a diverse riviste statunitensi, fra cui politics, diretta da Dwight Macdonald. Sposatosi negli Usa con Miriam Rosenthal, nel 1948 rientra in Europa e si stabilisce nuovamente a Parigi dove lavora all’Unesco. In questo nuovo soggiorno francese riannoda la sua amicizia con Albert Camus, conosciuto a Orano in una tappa del suo viaggio verso gli Stati Uniti.
Rientra definitivamente in Italia all’inizio degli anni Cinquanta, divenendo prima il critico teatrale del settimanale Il Mondo e poi dell’Espresso. Nel 1956 crea insieme a Ignazio Silone la rivista Tempo presente. Diffidente nei confronti delle trattazioni sistematiche e degli specialismi, è alla forma del saggio che Chiaromonte ha affidato la propria penetrante riflessione sul Novecento, sulla politica e la storia.
da sfogliare

Anche su iPhone, iPad e su smartphone e tablet con sistema Android.
Le pagine non si possono stampare né scaricare, ma si può richiedere l'invio di fotocopie o PDF dei documenti desiderati, previo contributo per rimborso spese.


Riviste sfogliabili

Tempo Presente (64 numeri)
politics (42 numeri)
Volontà (274 numeri)
Giustizia e Libertà (276 numeri)
Il Quarto Stato (30 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
Problemi italiani (24 numeri)
L'Unità (366 numeri)
La Voce (81 numeri)
Pensiero e Volontà (41 numeri)
Studi Sociali (60 numeri)
La Critique Sociale (11 numeri)
Pègaso (54 numeri)
Oggi (136 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
Nuovi quaderni di Giustizia e Libertà (4 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
Aretusa (14 numeri)
L'Acropoli (15 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Uomo (9 numeri)
Rinascita (171 numeri)
Nuova Repubblica (174 numeri)
Quaderni Piacentini (73 numeri)
Quaderni Rossi (9 numeri)
Quindici (20 numeri)
Lotta Continua (51 numeri)
Bollettino della Commissione nazionale lotte operaie (7 numeri)
il manifesto (16 numeri)
Ombre Rosse (35 numeri)
La Prova Radicale (8 numeri)
Argomenti Radicali (13 numeri)
La Nuova Commedia Umana (34 numeri)
Il Pensiero (176 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Critica Sociale (881 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)
La Roma del Popolo (57 numeri)
Storie e storia : quaderni dell'Istituto storico di Rimini (14 numeri)
ABC - 1968 (46 numeri)
Grand Hotel - 1968 (45 numeri)
L'Espresso - 1968 (52 numeri)

Opuscoli e libri sfogliabili
Vai all'elenco completo